Piatti unici: lo sformato di carciofi a modo mio

Il periodo del cambio di stagione, almeno in tavola, è particolarmente fecondo: certo, c’è un po’ di tristezza per i sapori che si abbandonano, ma anche tanta gioia per quelli che si ritrovano dopo diverso tempo e dei quali, magari, avevamo un po’ di nostalgia. A me, ad esempio, mancavano i carciofi, e oggi mi consolo con questo succulento sformato.

Cosa vi occorre: 8 carciofi, 2 patate, 80 g di burro, 50 g di grana grattugiato, 30 g di farina, 3 dl di latte, 20 g di pangrattato, 3 uova, sale q.b.

Come si prepara: pulite per bene i carciofi come ormai avete imparato a fare (se vi sfugge qualcosa guardate qui) e tagliateli a spicchi. Sbucciate e riducete le patate a cubetti e cuocete tutto insieme in metà burro unito a 1dl circa d’acqua e poco sale a fuoco basso per una ventina di minuti, coperto e mescolando spesso. In un pentolino preparate una sorta di besciamella sciogliendo il resto del burro, e unendo farina e latte fino a ebollizione. Togliete dal fuoco e aggiungete a questo punto il grana e le uova, versando tutto in un a teglia e cospargendo di pangrattato. Cuocete a 200° per una mezz’oretta, fate freddare a poi mettete in frigo a rassodare prima di servire, di nuovo a temperatura ambiente.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail