Ricette cinema: l’anatra al vino di Il matrimonio del mio migliore amico

Ha già 14 anni (ma non li dimostra) questo godibile film in perfetto stile commedia americana, pur girato dall’australiano Hogan, fissato con i fiori d’arancio (suo anche Le nozze di Muriel). Il matrimonio del mio migliore amico ha proprio tutto: ritmo, buoni sentimenti, romanticismo non sempre scontato, lieto fine e un cast all star tra la protagonista Julia Roberts, l’antagonista allora emergente Cameron Diaz e l’eterno amico gay Rupert Everett. Solo per citarne alcuni. Ecco la storia in breve: Julianne, migliore amica di Michael, fa con lui in gioventù un patto, se non saranno sistemati entro i 28 anni, saranno loro due a sposarsi. Il compleanno sta per arrivare, quando lui la informa che tra 4 giorni convolerà a nozze con una biondissima ventenne di Chicago: per Julianne è una doccia fredda, in un momento realizza che è Michael l’uomo della sua vita e che ha appena 4 giorni di tempo per riprenderselo, disposta a usare ogni mezzo… Che c’entra l’anatra? È proprio questo il piatto che Julianne, famosa critica gastronomica, sta gustando insieme con il suo editore e amico George quando riceve la fatidica comunicazione di Michael.

Cosa vi occorre: 4 petti d’anatra interi e sgrassati, ½ tazza di vino rosso, 1 cucchiaio d’olio piccante, 1 cucchiaio di salsa Worcester, 1 cucchiaio di salsa di soia, 1 arancia biologica, 2 cucchiai di erba cipollina tritata per guarnire.

Come si prepara: mettete a marinare in un sacchetto per alimenti la carne d'anatra con il vino, l’olio, le salse, il succo dell’arancia e la scorza tagliata a striscioline. Chiudete il sacchetto e mettetelo in frigo per un minimo di un’ora o un massimo di 24, scuotetelo ogni tanto. Una volta terminato il tempo desiderato per la marinatura, scolate la carne (tenendo da parte il liquido) e cuocetela sulla bistecchiera bollente per 10-15 minuti girandola continuamente. Per la cottura potete usare anche una padella antiaderente oppure, se preferite, un cartoccio in forno, ricordando, una volta sfornato, di farlo riposare per una decina di minuti prima di aprirlo. Per servire la carne, tagliatela a striscioline e adagiatela sul piatto di portata, coperta con la salsa e guarnita con l’erba cipollina.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail