Cucina russa: la torta dell’onomastico

Recita il vecchio adagio: “Scherza coi fanti, ma lascia stare i Santi”. In Russia mi sa che l’osservano alla lettera, tanto che addirittura posseggono una ricetta per una torta speciale che si gusta solo il giorno dell’onomastico! E allora quale giornata migliore per impararla di domani che ricorre la festività di Ognissanti?

Cosa vi occorre: 400 g di farina di frumento, 300 g di burro, 400 g di zucchero, 8 tuorli d’uovo, 1 manciata di uva passa, 1 manciata di gherigli di noce macinati, 1 cucchiaio di buccia d’arancia candita, 1 pizzico di bicarbonato, 1 punta di sale, succo di limone q.b. Per la crema: 2 albumi d’uovo, 125 g di zucchero a velo.

Come si prepara: tritate insieme il burro con metà dello zucchero fino a che i cristalli non saranno tutti rotti, e l’altra metà battetela con i tuorli. Unite i due impasti e aggiungete l’uva passa, le noci, l’arancia candita, il bicarbonato, il sale e qualche goccia di succo di limone. Aggiungete pian piano la farina sempre mescolando in modo che l’impasto si gonfi. Ungete di burro una teglia e adagiatevi la pasta, quindi infornate la torta a 180° per circa 50 minuti o comunque finché la superficie non risulterà dorata. Nel frattempo preparate la crema frullando insieme le chiare con lo zucchero a velo: riempite con questo composto una siringa da cucina e aiutandovi con questa ponete tanti fiorellini sulla superficie della torta. Se volete che questi fiorellini siano meglio fissati e un po’ colorati, potete tornare a infornare la torta per qualche minuto, poi servitela decorata con candele accese.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail