Liste spesse vs liste sottili

Qui l'aria si fa pesante. An Obsession with food accusa di arroganza il famoso Wine Spectator.

Ecco perché: un lettore ha mandato una lettera alla redazione per lamentarsi del malvezzo dei ristoranti di proporre agli avventori liste dei vini delle dimensioni di un volume dell'enciclopedia Treccani.

Wine Spectator risponde, senza lasciar spazio alla discussione, così:

"Alcuni bevitori possono rimanere intimiditi di fronte a liste di vini particolarmente ricchi, come avviene anche ad alcuni amanti dell'arte di fronte al Louvre. Ma come i più grandi musei, le migliori liste dei vini offrono abbondanza di buone scelte"

Sì, risposta decisamente arrogante, ancor più che forse il lettore lamentava le liste "gonfiate", in cui vengono inserite a forza etichette superflue o ridondanti solo per fare volume.

Mi sa che ormai la discussione è aperta. E voi ? Liste ricche o liste snelle e molto selettive ? Diteci cosa preferite...

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: