Ricette cinema: il cous cous di Tutte le donne della mia vita

“Dio è il più grande cuoco del mondo: ha fatto i ricci, ha fatto le arance…”. È cresciuto così, Davide, chef e donnaiolo di fama, che ricorda i primi assaggi propinatigli dal ‘pescatore pazzo’ sulla spiaggia di una coloratissima Stromboli, sulla quale tutto vede e su tutti domina Iddu (il vulcano). E di flashback questo gustoso (in ogni senso) film di Simona Izzo, Tutte le donne della mia vita, che vuole essere un garbato omaggio al suocero Ugo Tognazzi, si compone: il protagonista, infatti, causa un embolo dopo un’immersione subacquea, è costretto in camera iperbarica e qui ripercorre, appunto, tutte le sue relazioni, riscoprendo, pian piano, i sapori della sua vita. C’è l’enigmatica Isabella, la schizzata Stefania, l’amante Laura che sa di terra e tartufo, Monica, la madre del suo unico figlio che sa di panna e di latte, e l’ultima arrivata, la giovane stromboliana Diletta che per davvero (lo dice a tutte!) si chiama come sua madre. Scampato il pericolo, Davide si ricongiunge a tutte loro, accorse al suo capezzale, e anche con suo figlio, preparando un pranzo per 8 persone a base di cous cous al pesto di agrumi, gamberi e ricci di mare. Mentre lo sgrana in compagnia del bambino spiegandogli che le donne maghrebine mentre lo preparano pregano, inizia a tramandargli la sua arte: “Dio ha fatto il cibo, il diavolo ha fatto i cuochi…”.

Cosa vi occorre per 8 persone: 500 g di cous cous, 15 gamberoni, 15 ricci di mare freschissimi, 4 arance, 15 fiori di gelsomino, 200 g di mandorle bianche, 100 g di pinoli tostati, 100 g di capperi, 2 pomodori verdi, 1 mazzetto grande di basilico, origano, olio e sale q.b.

Come si prepara: cuocete il cous cous in un tegame coperto d’acqua mescolando per qualche minuto fino a che non si gonfierà, quindi ungetelo e appena sarà possibile, sgranatelo a mano. Nel frattempo pulite i gamberoni e cuoceteli al vapore, oppure lessateli e poi prelevatene la carne che ridurrete a pezzettini. Preparate quindi il pesto nel mixer frullando insieme le arance sbucciate e pulite, il basilico, il gelsomino, le mandorle, i pomodori verdi, i capperi dissalati e sciacquati, e l’olio. Aggiustate di sale. A questo punto curate la presentazione: disponete il cous cous mescolato al pesto al centro del piatto aiutandovi con uno stampo, coprite con i pinoli, i gamberoni a pezzetti, i ricci di mare crudi e, volendo, guarnite con fettine di limone e foglioline di menta.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail