Birrificio artigianale: Brùton

birrificio artigianale bruton

Interessante percorso quello offerto dal birrificio toscano Brùton. Le birre degustate sono state la Bianca chiara ad alta fermentazione prodotta con l’aggiunta di cereali non maltati, quali il farro della Garfagnana e frumento. Questa birra ha anche recentemente vinto il primo premio per le bianche italiane. Caratterizzata da una fresca acidità accentuata dalla speziatura di coriandolo e buccia d’arancia.

La Brùton è una chiara, opalescente, 5,5% di alcol birra beverina. Lilith trae ispirazione dalle classiche Ale Americane, questa birra di colore ambrato carico e dal luppolo incisivo ha una gradazione di 5,5%. Al naso emergono le note agrumate e resinose tipiche del luppolo Cascade. In bocca è un trionfo di caramello, con un netto finale amarognolo. È seguita la stoner, un'alta fermentazione corposa con 7,5 %, nonostante la gradazione rimane fresca ma strutturata ed emergono le note di arancia e caramello che sono stati utilizzati per arricchirla. La birra successiva è stata la Momus, ambrata ispirata alle birre d’Abbazia belghe,prodotta con l’aggiunta di miele Millefiori, 7,5%.

La Dieci è una scura ad alta fermentazione. All'olfatto presenta forti sapori di di malto e crosta di formaggio ed in bocca la grande complessità ed un calore alcolico la rendono ideale in abbinamento con carni lavorate e ricche come stracotti o più semplicemente da meditazione. Ma quello che mi ha colpito nell'assaggio di queste birre, che possono piacere o meno, è la chiarissima impronta, come se tutte, nonostante le tipologie e fermentazioni avessero un sentore comune, una marchio di fabbrica che si percepisce netto in tutte le tipologie. Che sia l'acqua o la mano del mastro birraio non mi era mai capitato prima di trovarlo così netto e l'entusiasmo del proprietario e del mastro birraio sono contagiosi.

  • shares
  • Mail