Vini: Champagne Paul Bara

champagne paul baraSi avvicina l'anno nuovo e si sa, il pensiero vola alle bollicine da versare nei calici per questa ricorrenza. Prendendo in considerazione gli champagnes, se non volete avere sorprese, ma preferite un buon rassicurante perlage d'Oltralpe la mia scelta è caduta su Paul Bara. Centosettanta anni di produzione di champagne a Bouzy nel rispetto della tradizione, ma apportando quegli ammodernamenti che garantiscono la qualità di oggi.

Questo Champagne è assolutamente godereccio, non ha sbavature e non per questo non ha carattere, anzi. Il brut réserve in questione è un assemblaggio di Pinot Nero 90 % e di Chardonnay 10% che arriva sul mercato dopo due o tre anni dalla vendemmia. Alla vista è un paglierino deciso con qualche riflesso oro. Un perlage fine e persistente accompagna tutta la degustazione.

Al naso, vengo sorpresa da una punta eccessiva di anidrite carbonica che lascia rapidamente spazio ad una gamma di sentori tipici dei grandi champagne, quali: albicocca e pesca gialla matura, cedro caramellato, miele, una lievissima sfumatura di crosta di pane. Una bocca abbastanza ricca e succosa che non stanca mai anche se non sorprende. Questo vino dovremmo poterlo trovare sugli scaffali a circa € 45,00.

  • shares
  • Mail