Vitigni & Vini: Vernatsch meglio conosciuta come Schiava.

cantine di caldaro schiavaHa più di un secolo la cantina di Caldaro, costituita da più di 450 contadini che insieme hanno 300 ettari di vigna. La filosofia condivisa da tutti ha portato questa cantina ad avere sempre più riconoscimenti per il lavoro qualitativo che viene svolto. Normalmente volta al biologico, con la linea Solos, dal latino solum, suolo, un gruppo di viticoltori ha scelto la biodinamica ed almeno a giudicare da questa Schiava, in tedesco Vernatsch, hanno fatto bene.

Questo vino che troviamo sugli scaffali a non più di € 10,00 ha una grande beva, ma non per questo è un vinello in senso stretto. Il coloro chiaro ci lascia già intuire che non sono stati usati concentratori o altri vitigni cosidetti migliorativi, il profumo poi è tutt'altro che anonimo, ha un carattere fumè molto persistente, che ci introduce ad una leggera speziatura e a delicati sentori di piccoli frutti rossi.

In bocca non delude, a parte un leggero residuo di carbonica appena stappato, intuibile dalla sensazione di bollicine, che svanisce immediatamente. Il tenere alcolico è di 12,5% e l'annata è la 2010, la persistenza è adeguata ed il corpo può sembrare esile, ma non lo è. Nell'abbinarlo attenzione all'affumicato e alla mandorla amara che si percepisce nettamente all'assaggio, la quale potrebbe tornare utile negli abbinamenti con cibi la cui tendenza è dolce. Schietto e di carattere è un vino che credo valga la pena assaggiare.

  • shares
  • Mail