Italia sotto la neve: la dieta consigliata contro il gelo

Dalle Alpi alla Sicilia, questi primi di febbraio sono giorni di gelo, neve e ghiaccio per tutti gli italiani, o almeno, stando alle previsioni, se ancora qualcuno si è salvato dal freddo eccezionale, presto lo saranno.

È importante, dunque, soprattutto per anziani e bambini e per coloro i quali stanno soffrendo la mancanza di corrente e di acqua, mantenere un’alimentazione il più possibile corretta, scorte permettendo (qui a Roma sembra di stare in tempo di guerra).

La prima raccomandazione è quella di mantenersi idratati e di bere cose cade molto spesso: sì, quindi, a tè, infusi, cioccolate e, soprattutto la sera prima di andare a dormire, in modo da conciliare un bel sonno caldo, camomille e tisane. Meglio non abusare, invece, con l’alcol.

Ma il calore deve essere il filo conduttore un po’ di tutta l’alimentazione di questi giorni: ottime le zuppe, specie se di legumi che nutrono i muscoli, per i quali il freddo è una vera minaccia. Vanno bene, comunque, anche le corroboranti minestre di cereali o di verdure e, perché no, ogni tanto, la polenta: non abbiate timore, in tempi di gelo, di inserire qualche caloria in più.

Non trascurate il giusto apporto di vitamine che solo la frutta e la verdura di stagione possono donarvi: in particolare abusate pure di spremute d’arancia che, dato l’elevato contenuto di vitamina C, tengono lontani raffreddore e influenza. Ricordatevi, però, che le vitamine sono altamente volatili: non lasciate, quindi, riposare troppo la spremuta nel bicchiere, ma bevetela appena fatta.

Per quanto riguarda il resto, perfetti i condimenti a base di aglio e cipolla che hanno un elevato potere antibatterico, mentre per quanto riguarda le carni, il pesce e i formaggi, il consiglio è di scegliere qualità magre e di cucinare senza troppi grassi per non sovraccaricare l’organismo e potersi così concedere, di tanto in tanto, un goloso dolcetto.

E voi? Se avete ricette particolari antifreddo, rimedi della nonna per sopravvivere alla neve e al gelo, consigli su come sopportare meglio l’impennata verso il basso della colonnina di mercurio, mi raccomando: scriveteci nei commenti, siamo davvero curiosi!

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail