Identità Golose 2012 - Assaggi di alta gastronomia

Appunti gastronomici da Identità Golose 2012

Mentre nelle sale e nell'auditorium impazzano le conferenze di eminenti chef ed esperti, tra gli stand di Identità Golose 2012 il via vai non si ferma mai. Qual'è il motivo? Il pot-pourri di assaggi a rotazione che vengono offerti in ogni angolo, la gara per accattivarsi un possibile cliente o contatto è spietata e si combatte a suon di delikatessen.

E così, sbocconcellando un formaggio stagionato o degustando un calice di Nebbiolo con dei gnocchetti di patate in salsa al castemagno, si possono comunque imparare tante cose nuove e carpire trucchi e segreti da intenditore.

Per esempio ho fatto una bella chiacchierata allo stand di Princi, dove mi hanno spiegato che tutto il loro pane viene fatto con lievito di pasta madre e farine biologiche (ecco perchè è così buono e si conserva bene) oppure, sempre in tema ma in un altro stand, ho visto che su scurissime fettine di pane all'inchiostro di seppia si gustano meglio moscardini e crostacei, oppure su pane rosso al pomodoro le mazzancolle con sale alla vaniglia, su quello al prezzemolo il baccalà, sul pane marrone al cioccolato i formaggi e su quello chiaro con bacche di ginepro, il cervo e il fegato grasso.

Appunti gastronomici da Identità Golose 2012
Appunti gastronomici da Identità Golose 2012
Appunti gastronomici da Identità Golose 2012
Appunti gastronomici da Identità Golose 2012
Appunti gastronomici da Identità Golose 2012
Appunti gastronomici da Identità Golose 2012
Appunti gastronomici da Identità Golose 2012

  • shares
  • Mail