Ricette regionali: dalla Lombardia il toc


“Su quel ramo del Lago di Como…” forse anche all’epoca di Manzoni e ancora prima, a quella di Renzo e Lucia, si mangiava il toc: piatto tipico di Bellagio a base di polenta locale, offerto nelle feste come matrimoni e battesimi e in tutte quelle occasioni di convivialità familiare.

Non c’è una vera e propria ricetta per quella che sembra una preparazione semplice, invece richiede una grande abilità da parte dei ‘tocchisti’ che, rigorosamente a mano, o al massimo aiutandosi con il rodech di legno, devono amalgamare alla perfezione la farina di polenta al burro e al formaggio, senza che alla fine il piatto risulti troppo unto, né troppo pesante.

Potete provarlo aggiungendo alla polenta di produzione bergamasca del formaggio scimut o del classico gorgonzola (che sempre lombardo è), ma uno dei segreti che abbiamo carpito è l’importanza della temperatura del burro: né troppo alta né troppo bassa, in modo che la polenta non si attacchi alla pentola.

Gli ingredienti per il toc
La preparazione richiede una grande abilita`
Per una buona riuscita si devono usare solo le mani

Tradizione vuole che il toc sia servito all’interno del paiolo e che ogni commensale se ne prenda un po’ per volta nel proprio piatto, e che lo accompagni con altri cibi saporiti di estrazione contadina, come i missoltini o il salame. Una volta finito, poi, si conclude il pasto, e quindi il momento d’aggregazione intorno al tavolo, con la preparazione (e la bevuta) del ragell.

Questo si fa nel paiolo non ancora scrostato dei residui del toc, che gli conferisce quel gusto così particolare, e vi si versa vino rosso arricchito di chiodi di garofano, cannella, buccia d’arancia e di limone grattugiata, noce moscata e zucchero e, secondo alcune varianti, anche gin o brandy e mele a pezzetti. Questa sorta di vin brulé si fa bollire fino a che l’alcol contenuto nel vino non smette di bruciare ed evapora. A questo punto viene servito in una ciotola di legno che si passa di bocca in bocca.

Foto | Flickr e Bellagio lifestyle

  • shares
  • Mail