La tradizione alimentare agli Uffizi

uffiziApprezzare i "capolavori" alimentari italiani è possibile anche nei musei.
Oggi, infatti, in Toscana, dopo il successo campano, Buonitalia, con la collaborazione del Polo museale fiorentino, ha portato il progetto "il Gusto Italiano. Quando il cibo è arte".

A fare da padrino il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, Gianni Alemanno.

"Il Gusto Italiano. Quando il cibo è arte" si propone di dar vita, nell'ambito dei bookshop dei musei italiani, ad una rete di spazi espositivi, in grado di promuovere i prodotti agroalimentari italiani. Si tratta di offrire ai visitatori dei più prestigiosi musei italiani una nuova occasione per conoscere, assaggiare e acquistare i migliori prodotti della tradizione alimentare, considerati, a livello internazionale, veri e propri capolavori della cultura italiana.

"Da sempre le nostre specialità agroalimentari sono considerate testimoni e ambasciatrici della cultura italiana", ha dichiarato il Ministro Alemanno. "Grazie a questo progetto, i visitatori dei musei, oltre ad ammirare capolavori d'arte unici al mondo, avranno anche la possibilità di conoscere meglio i nostri prodotti tipici, anch'essi capolavori ineguagliabili".

In fondo non l'avevamo già detto? Arte culinaria e arte pittorica vanno molto d'accordo...

  • shares
  • Mail