Enotica seconda edizione

enotica seconda edizione
Onestamente non credo che, come il sito di enotica dice, Veronelli pensasse ad una manifestazione del genere. Se questa seconda edizione nasce dalle ceneri del Critical Wine forse ci siamo allontanati ancora di più. Per carità, bella giornata, una domenica spensierata se la si pensa nel complesso: centro sociale, area rilassata, spazi aperti, figli, carrozzine, cani liberi, musica ed anche bella e poi sigarette...

Impossibile degustare, fra gomitate, spazi angusti, fumo di sigaretta in ogni dove, difficile dialogare col produttore ed un pubblico in parte anche incuriosito, in parte solamente voglioso di bere. Me lo sono chiesta: che male c'è se ad uno non interessa cogliere quella particolare sfumatura che riconduce ad un territorio e ad un savoir faire particolare? Forse nulla, però non parliamo di manifestazione impegnata. Non parliamo di prezzo sorgente.

Acqua di scarsa reperibilità, sputacchiere introvabili o piene, vabbè, il classico grissino alla fine in questo contesto sarebbe stato anche fuori luogo, ma almeno un minimo. Tra l'altro, se tutto il connubio sesso e vino era rappresentato da quei quadri e fotografie, allora forse vale veramente tutto! Ripeto, giornata divertente, ma sfiancante per i produttori e gli appassionati, fruibile da chi vi si è recato con il giusto spirito da scampagnata. Spero prenda un'altra direzione o riveli la sua vera natura, perché così serve a poco.

  • shares
  • Mail