Cucinare con il tartufo: le scaloppine ai porcini


Anche una cosa buona come il tartufo, per affermarsi in tavola, ha avuto bisogno di pubblicità: fu Giacomo Morra, storico albergatore d’Alba, che per vincere le reticenze e avere successo iniziò a regalarne a personaggi famosi a partire da Rita Hayworth nel 1949, poi Churchill, Truman, Di Maggio e la Monroe, Selassie`, Krusciov, Paolo VI, Hitchcock fino ai giorni nostri ancora. Tutti, manco a dirlo, sono diventati fan sfegatati del tartufo… e magari anche di queste scaloppine.

Cosa vi occorre per 4 persone: 200 g di funghi porcini secchi, 400 g di rosette di vitello, farina, tartufo q.b., ½ bicchiere di vino, sale e pepe.

Come si preparano: ammollate i funghi in acqua fredda; nel frattempo infarinate le rosette di vitello e rosolatele in un’ampia padella nell’olio d’oliva sfumandole con il vino bianco. A fine cottura togliete dal fuoco, unite i funghi porcini, aggiustate di sale e pepe, grattatevi sopra il tartufo e fate amalgamare il tutto prima di servire.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail