La ricetta del cocktail Martini e le varianti più famose

Come preparare un ottimo cocktail Martini dry per l'aperitivo e quali varianti sono possibili

Uno dei cocktail più famosi, che sicuramente avrete gustato negli incontri estivi, è il Martini cocktail. Il nome ufficiale è Dry Martini, ed è considerano un pre-dinner, ovvero ideale negli aperitivi piuttosto che dopo pasto. I suoi ingredienti principali sono il gin e il vermouth dry.

Il nome non ha ancora una origine certa: c'è chi pensa sia stato intitolato al barista italiano che nel 1912 a New York lo preparò per la prima volta a Rockefeller, e chi invece fa risalire la sua origine a Jerry Thomas, autore del famoso cocktail Martinez nel 1850, successivamente tramutato in Martini nel 1870. Di certo non nasce collegato alla famosa azienda "Martini&Rossi" (fondata successivamente), anche se nel corso degli anni - e grazie al loro vermouth dry - è diventato ad essa legato.

Come preparare, quindi, un ottimo cocktail Martini? La ricetta è semplice: 8/10 di gin e 2/10 di vermouth dry (volendo quantificare, circa 6 cl di gin e 1 cl di dry vermut), che vanno mescolati nel mixing glass con 5-6 cubetti di ghiaccio (mischiati energicamente e non shekerati). Il cocktail va servito in una coppetta da cocktail con un lemon twist e/o con un'oliva verde, che ne è diventato il simbolo.

I barman più esperti hanno i loro segreti nella preparazione, e naturalmente quello principale è la scelta del gin e del vermouth. I migliori il gin London Dry (che è più secco) e il vermouth Martini extra-dry.

Esistono poi alcune varianti al Martini cocktail:


  • Sweet Martini - che prevede il Vermouth rosso al posto del dry e la ciliegiana al posto dell'oliva ed è naturalmente più dolce,

  • Martini Perfect - che usa sia vermouth dry che vermouth rosso (circa 1 cl di ciascuno)

  • Martini Vodka - che sostituisce il gin alla vodka. Questa variante è stata resa famosa da James Bond che in Casino Royal chiede sempre un Martini Vodka mescolato e non shekerato.

Foto | Don LaVange

  • shares
  • Mail