La Rossa onora la gastronomia italiana

Non usa tanti giri di parole Eduard Michelin, amministratore delegato del gruppo che pubblica la famosa guida rossa; dell'Italia dice: "E' il paese al mondo in cui si mangia meglio in tanti piccoli posti". In occasione della presentazione, da parte dell'Accademia Barilla, del Manifesto d'intenti a difesa e promozione della gastronomia italiana, Michelin dice ad ANSA:

Continuate - ha detto agli chef presenti all'Accademia - a far crescere questa diversità. Ma bisogna dire che la gastronomia italiana non ha espresso ancora tutto il suo potenziale all'estero. Credo che debba farlo così come lo ha fatto la cucina francese e in un certo senso quella giapponese

Su La Stampa leggete un'intervista all'ing. Michelin e un resoconto dell'evento di ieri, per i 50 anni della Guida Michelin Italia:


La «Rossa» ieri ha premiato otto chef italiani, tra i quali la famiglia Degoli, che a Rubiera continua la tradizione della Clinica Gastronomica, e Anna Maria Fini, che a Modena mantiene alta la tradizione dell’antica salumeria con cucina. Sono gli unici due locali che erano già segnalati nel 1956 e da allora sono presenti sulla Guida Michelin senza interruzioni.

  • shares
  • Mail