Come si puliscono le cime di rapa

Come si puliscono le cime di rapa? Se avete deciso di realizzare una ricetta a base di questo prodotto della natura, ingrediente tipico di molte ricette del Sud Italia, ecco a voi la spiegazione per pulirlo al meglio.

Come si puliscono le cime di rapa? Se vogliamo portare in tavola questo ortaggio, protagonista di mille ricette diverse, dobbiamo prima imparare a pulirlo con cura, per non rovinare le foglie e per non sprecare nulla. Dele cime di rapa, ingrediente tipico della cucina pugliese, laziale e campana, si utilizzano le foglie e l'infiorescenza all'interno.

Per pulire le cime di rapa, cominciate togliendo la parte più dura del gambo, staccando così le coste. Dell'infiorescenza va tolta solo l'ultima parte, mentre le foglie vanno staccate con cura e delicatezza dal gambo. Se non volete buttare via niente, sappiate che i gambi possono essere bolliti, passati al mixer e poi al passaverdure e utilizzati per condire i nostri piatti.

A questo punto potete lavare le foglie e l'infiorescenza: vi basterà un getto di acqua fredda sotto il quale passare le vostre cime di rapa, che andranno poi asciugate con cura. Adesso sono pronte per essere utilizzate in cucina: come potete notare si tratta di un'operazione molto semplice.

Adesso che abbiamo imparato a pulire le cime di rapa, come possiamo utilizzarle in cucina? Ecco alcune ghiotte ricette:

Pasta con cime di rapa e tonno

Pasta con cime di rapa e vongole

Cime di rapa alla napoletana

Cime di rapa affogate

Cime di rapa e salsiccia

Orecchiette con le cime di rapa

Tortino di cime di rapa

Come si puliscono le cime di rapa

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail