I bicchieri da birra: tutti i modelli e con quale birra abbinarli

I bicchieri da birra sono vari e presentano caratteristiche proprie, dovute alle diverse tradizioni da cui provengono.

Nel mondo dei bicchieri, quelli da birra meritano un discorso a parte: pur essendo, infatti, accomunati da caratteristiche spesso simili e che possono confondersi tra loro, tuttavia rispondono a tradizioni differenti e hanno una denominazione propria. È il mastro birraio che dovrà associare ogni birra al bicchiere più adatto e non si tratta di un compito semplice.

La regola generale dei bicchieri da birra è, in ogni caso, semplice: la capacità del bicchiere deve essere sufficiente per contenere la birra e la sua schiuma (che, ricordiamolo, protegge il liquido dal contatto con l’aria e quindi dall’ossidazione). Se questa è la regola base, di variazioni ce ne sono a bizzeffe.

Di solito, la bionda opta per il boccale o per il calice a tulipano, mentre la scura ricorre al balloon: ma non sempre quest’associazione è valida. Le birre a bassa fermentazione, che non hanno profumazione decisa – come, per esempio, le lager e le pils – si servono in un bicchiere alto e slanciato, per ridurre al minimo il contatto con l’aria e la dispersione dell’aroma; quelle ad alta fermentazione – come le ale, le trappiste e le stout – che sviluppano aromi più decisi, richiedono bicchieri dai bordi leggermente svasati.

I più diffusi bicchieri da birra


I bicchieri da birra: tutti i modelli e con quale birra abbinarli

Ecco a seguire le tipologie più diffuse di bicchieri da birra, in ordine alfabetico.


  • Altglass: bicchiere cilindrico e sottile, non altera le caratteristiche della birra, non esalta né mortifica la birra, dà al tatto la sensazione della freschezza. Ideale per le ambrate alt.

  • Balloon: bicchiere classico la cui forma a chiudere esalta la schiuma; la superficie ampia favorisce lo scambio termico. È adatto per le birre “da meditazione”, che sono corpose.

  • Boccale di vetro: classico boccale cilindrico con il fondo più largo, particolarmente amato dai bavaresi e dai “super bevitori”.

  • Calice a chiudere: un calice senza stelo che poggia direttamente sul piede; grazie alla forma rastremata alza la schiuma impedendole di traboccare. Il vetro è sottile e liscio sì che la formazione della condensa sia favorita. È un bicchiere adatto per le lager e le pils.

  • Calice a tulipano: la bocca svasata impedisce la formazione di troppa schiuma e agevola la percezione del profumo. È il bicchiere ideale per le birre aromatiche come le belghe d’abbazia.

  • Colonna biconica: bicchiere dalla forma allargata al centro che si restringe sulla bocca; il vetro è di spessore medio ed è adatto per pils belghe come anche per coloro che amano la schiuma decapitata dalla spatola.

  • Colonna conica: calice senza stelo, di forma conica, con l’imboccatura larga per controllare la schiuma; è adatto alle birre danesi, che sono vivaci e profumate.

  • Coppa: è simile al balloon, ma di forma quasi emisferica, abbassa progressivamente la schiuma esaltando il profumo della birra.

  • Flûte: sempre un calice, ma per birre secche dalla schiuma abbondante che vanno servite fredde (le pils, per esempio).

  • Kölschglas: piccolo calice cilindrico e sottile; si tratta di una forma molto semplice per birre artigianali, di produzione limitata.

  • Mass: è il tipo boccale della tradizione tedesca. Lo spessore del vetro permette di conservare la freschezza della birra e la superficie lavorata ne valorizza il perlage. È cilindrico, leggermente ristretto sul fondo, per un effetto neutro sulla schiuma. È un bicchiere universale, pur essendo ideale per le märzen e le export. Ci sono in vetro, in peltro, argento, porcellana, ceramica o legno. A volte sono chiusi da un coperchio in metallo: secondo una tradizione il coperchio sarebbe stato introdotto per favorire il bevitore che canta, balla o fa ondeggiare il bicchiere durante le feste, ma l’ipotesi più probabile è che sia stato inserito per motivi igienici, per tenere lontane le mosche dalla birra.

  • Pinta: a forma di cono rovesciato, si allarga e poi si restringe subito sotto l’orlo. È un bicchiere adatto alle birre inglese e irlandesi, neutralizza le schiume delle bitter ale e, al contrario, valorizza la schiuma delle stout.

  • Stiefel: è il classico “stivale”, la cui forma può mettere in imbarazzo gli inesperti. Difatti rappresenta una prova di abilità per chi lo usa, tanto che non è importante cosa ci si beve ma come: è il bicchiere dell’iniziazione alle confraternite studentesche in Germania.

  • Vetro britannico: boccale perfettamente cilindrico, di vetro spesso, per conservare la temperatura di cantina. Il vetro è liscio in modo da evidenziare lo scarso perlage. È adatto alle ale, con particolare attenzione alle pale ale.

  • Weizenbecker: bicchiere a colonna, ristretto alla base e svasato alla sommità per controllare l’abbondantissima schiuma delle birre di grano, come la weizen o weissbieren. Ha una capacità fissa di mezzo litro.

  • Yard o yardglass: il nome deriva da yard of ale, vale a dire “una iarda di birra” e, per questo motivo, il bicchiere è lungo circa una iarda, vale a dire poco meno di un metro. È a forma di cono rovesciato e termina, nella parte inferiore, con una sfera: poiché è così lungo e non ha una base piana stabile, lo si appende alla parete quando non è in uso. Bere dallo yardglass, come per lo stivale, è un gioco di abilità, una tradizione nata nei pub con lo scopo di trangugiare l’intero bicchiere senza pause, bevendo il più rapidamente possibile.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail