Il pesto vegan fatto in casa: ecco i nostri consigli

Il pesto vegan fatto in casa è una variante della classica ricetta genovese, ecco i consigli di Blogo per preparare questo piatto delizioso


Il pesto è una salsa deliziosa e versatile famosa e apprezzata in tutta Italia ma anche all’Estero, è uno dei capi saldi della cucina italiana che portano in alto la bandiera del made in Italy nel mondo. La ricetta tradizionale del pesto è quella genovese, in Liguria è uno dei piatti più amati e viene usato sia per le classiche trenette al pesto che per piatti meno convenzionale come ad esempio le lasagne al pesto. Oggi vi presento una interpretazione della ricetta tradizionale e cioè il pesto vegan fatto in casa, una variante che non contiene ingredienti di origine animale e che quindi va bene per chi segue un’alimentazione vegana o vegetariana.

Ingredienti


    2 mazzetti di basilico
    Olio extravergine di oliva
    Sale
    Pepe
    50 gr di pinoli
    30 gr di noci macadamia
    1 spicchio di aglio

Preparazione

pesto-vegano

Lavate il basilico, asciugatelo e ponetelo in un mixer, poi aggiungete il sale, una macinata di pepe, i pinoli, le noci e l’aglio sbucciato, aggiungete 4 cucchiai di olio extravergine di oliva e frullate tutto facendo tante riprese di pochi secondi in modo da non surriscaldare le lame.

Incorporate altro olio fino ad avere la consistenza desiderata. Il pesto normalmente è molto cremoso e fluido, potete però limitare un po’ la quantità di olio e quindi le calorie, in modo di contenere i grassi di questa ricetta.

Per condire la pasta vi basterà lessarla e scolarla al dente, poi la mettete in una ciotola e aggiungete il pesto, mescolate bene e, se occorre, aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura che renderà il piatto cremoso e avvolgente.

Il pesto vegan si può personalizzare sostituendo i pinoli e le noci con altra frutta secca, ad esempio con le mandorle oppure con le nocciole, inoltre potete anche usare tra gli ingredienti il grana vegan o il gomasio. Se volete un pesto più delicato vi basterà non mettere l’aglio.

Per un risultato più vicino all’originale pesto genovese, abbandonate mixer e frullatori a immersioni e usate un mortaio.

Foto | da Flickr di maxpower

  • shares
  • Mail