Cucina kosher, le regole da seguire

I divieti e le usanze che stanno alla base della cucina kosher, l'alimentazione che rispetta i dettami della religione ebraica

Cucina kosher, le regole da seguire Quello della cucina kosher è un mondo variegato disciplinato da regole ferree.

Cos'è la cucina kosher è presto detto: si tratta dell'insieme dei dettami che regolano l'alimentazione degli ebrei osservanti.

Le ricette della cucina kosher possono essere suddivise in tre grandi gruppi ideali: quelle a base di carne, quelle a base di latticini e quelle che non contengono l'una né gli altri.

Prima di passare alle regole che ne stanno alla base, un cenno merita l'uso dei doppi elettrodomestici nella cucina kosher. Una curiosità riguarda i forni, che sono dotati di due diversi scompartimenti per cuocere alcuni tipi di alimento che, come scoprirete di seguito, non devono entrare in contatto.


Regole della cucina kosher


  • Gli animali permessi devono avere lo zoccolo fesso (ovvero spaccato in due parti) e devono essere ruminanti. Sono kosher la mucca, il vitello, la pecora e la capra. Non lo sono il maiale, il coniglio, il cavallo.
  • Tra i pesci, invece, sono permessi quelli dotati di pinne e squame. Non sono kosher, infatti, le anguille, le aragoste, i crostacei ed i molluschi.
  • In quanto agli uccelli, infine, sono ammessi polli e tacchini, anatre e oche ma non quelli rapaci.
  • La macellazione degli animali deve essere effettuata da un rabbino qualificato. Non è ammesso cibarsi del sangue degli animali. Questi vengono uccisi tenendo conto di un sistema di regole - chiamato shechità - che hanno come obiettivo quello di non fare soffrire l'animale.
  • Dalla carne vanno prelevate le parti impure, tra i quali intestini e reni. Prima di qualsiasi operazione, la carcassa va controllata per verificare l'assenza di difetti.
  • La carne va consumata previa immersione in acqua di mezz'ora; cosparsa di sale, poi, per un'ora ed infine ben lavata. A questo punto può essere cotta.
  • Non si possono consumare carne e latte insieme nello stesso pasto: è necessario attendere che sia avvenuta, prima, la digestione. Sempre per tale motivo, gli utensili che entrano in contatto con la carne non possono essere utilizzati con i latticini e viceversa. Da qui l'uso dei doppi elettrodomestici.
  • Per quanto riguarda il vino, anche questo è soggetto ad alcune regole. L'uva deve provenire da una vite di non meno di quattro anni di età e tutto il processo di produzione deve essere effettuato da ebrei osservanti.

Photo | iStock

  • shares
  • Mail