Pabassinas: la ricetta originale sarda per farle in casa

Ecco come realizzare dei biscotti ricchi e golosi provenienti dalla cucina sarda: non perdete le pabassinas

Pabassinas: la ricetta originale sarda per farli in casa

Dalla tradizione sarda ecco le pabassinas. Cosa si nasconde dietro tale misterioso nome e come farle in casa? Continuate a leggere per scoprirne, sotto, la ricetta, che è in realtà è molto più semplice di quanto possa sembrare.

Oltre a poter essere realizzare con il Bimby semplicemente adattando la ricetta al robot multifunzione, le pabassinas altro non sono che dei biscotti caratterizzati da un impasto ricco con l'aggiunta di uvetta, noci e mandorle e, dopo la cottura, ricoperti di una allettante glassa di zucchero.

Delle pabassine esistono diverse varianti, questa si differenzia dalla più tradizionale per l'assenza della sapa e per la cottura che avviene in forno e non in padella.

Ingredienti

500 gr di farina
150 gr di strutto
180 gr di zucchero
150 gr di uva sultanina
250 gr di mandorle
250 gr di noci sgusciate
2 uova
8 gr di anice stellato in polvere
15 gr di ammoniaca
130 ml di latte tiepido
1 pizzico di sale
buccia grattugiata di 4 arance

1 albume
150 gr di zucchero a velo

Procedimento

Iniziare la preparazione facendo tostare le mandorle e le noci in forno caldo, quindi tritarle ma non troppo finemente. Unire in una ciotola capiente la farina, lo zucchero, l'anice stellato, le uova, le mandorle, l'uvetta messa precedentemente a bagno in acqua tiepida e strizzata ed infine un pizzico di sale.

Mescolare ed iniziare ad unire, a filo, il latte tiepido addizionato con l'ammoniaca e lo strutto fatto sciogliere a parte su fiamma bassa. Impastare bene quindi creare una palla da modellare creando dei cilindri: affettarli ottenendo dei tondi di 5 cm di diametro.

Porli sulla placca del forno foderata di carta forno e farli cuocere a 180°C per 20 minuti circa. Una volta freddi preparare la glassa: montare a neve l'albume aggiungendo, man mano, lo zucchero a velo. Decorare i biscotti e fare asciugare completamente la glassa quindi gustare.

Via | Sardegnainblog
Foto | Via Pinterest

  • shares
  • Mail