La ricetta delle fave lesse alla sarda

Un secondo proveniente dalla cucina sarda perfetto per un pranzo in famiglia per sfruttare al meglio i prodotti di stagione

La ricetta delle fave lesse alla sarda La ricetta delle fave lesse alla sarda si presta a dei pranzetti primaverili di tutto rispetto. Nonostante il gusto semplice, si tratta di un piatto saporito grazie a tali prodotti di stagione, pronti a regalare una pietanza appagante con il minimo sforzo.

Da poter realizzare sia con quelle secche - da mettere preventivamente in ammollo - che con quelle fresche, le fave lesse alla sarda richiedono pochi ingredienti tra i quali non deve mancare il finocchietto selvatico, con le quali crea un connubio insuperabile.

Preparare le fave fresche bollite alla sarda rappresenta un'ottima idea nel caso in cui abbiate a disposizione tali legumi e siate in cerca di ricette semplici.

Provate questo secondo piatto vegetariano della cucina sarda, ben si colloca in un menù primaverile.

Ingredienti

1 kg di fave fresche
prezzemolo fresco
1 mazzetto di finocchietto selvatico
menta fresca qb
1 cipollotto
sale e pepe
olio extra vergine di oliva

Preparazione

Versate in una pentola dell'acqua ed accendete la fiamma, quindi unite il cipollotto affettato, il finocchietto selvatico ridotto a rametti e del prezzemolo fresco.

Portate a bollore mentre pulite le fave prelevandole dai loro baccelli. Giunta a bollore, unitele all'acqua e fatele lessare per circa 15 minuti.

Non appena tenere scolatele, trasferitele in una insalatiera e conditele con cipollotto fresco, menta e prezzemolo tritati, sale, pepe ed olio extra vergine di oliva.


Foto | iStock

  • shares
  • Mail