Come preparare le prugne alla grappa con la ricetta semplice

Ecco la ricetta semplice per conservare le prugne sotto spirito nella versione con la grappa. Da provare!

Essendomi ritrovata in casa una discreta quantità di prugne ho pensato bene di conservarle per l'inverno. Come? Preparandole alla grappa. Un metodo di conservazione semplice ma efficace che da vita ad una conserva gustosa e perfetta sia da tenere in dispensa che da regalare: ricordate le tanto amate ceste natalizie? Bene, li dentro farebbero un figurone!
Come preparare le prugne alla grappa con la ricetta semplice

Le prugne alla grappa si conservano in dispensa, in luogo fresco ed asciutto per diversi mesi, ma vi consiglio di non superare i 5: dopo tale lasso di tempo infatti la frutta potrebbe iniziare a perdere il suo sapore. Ci sono diversi metodi di conservazione delle prugne sotto spirito: questo prevede l'utilizzo della grappa, ma nulla vieta di scegliere un altro alcolico che rispecchi i vostri gusti. Per la preparazione prediligete delle prugne sode, non troppo molli, lo diventeranno durante il riposo all'interno dei barattoli. Non buttate via lo sciroppo di cottura avanzato: può esere utilizzato per arricchire l'impasto di torte e ciambelloni. Provate anche le albicocche secche sotto spirito.

Ingredienti

1 Kg di prugne mature
250 gr di zucchero
600 ml di grappa
500 ml di acqua

Preparazione


Lavare bene le prugne, asciugarle perfettamente e bucherellarle con uno stecchino. Versare all'interno di una pentola capiente l'acqua e portarla a bollore con lo zucchero per 5 minuti, quindi unire la frutta e mescolare bene. Fare cuocere per 3 minuti, quindi spegnere la fiamma. Prelevare le prugne lasciando lo sciroppo all'interno della pentola e trasferirle man mano nei barattoli di vetro sterilizzati. Dovranno raffreddarsi completamente. Adesso coprirle con la grappa e chiudere i tappi avvitandoli bene. Fare riposare in luogo fresco ed asciutto per un mese prima di consumarle.

Foto | Erich Ferdinand

  • shares
  • Mail